Personaggi

2013-02-14

Buon San Valentino con la storia del Santo degli innamorati


Da circa 300 anni, il Convento dei Padri Cappuccini di Belvedere Marittimo, in provincia di Cosenza, conserva all’interno dell’altare le reliquie di San Valentino, Santo degli Innamorati. Di questo Santo, vissuto nel Terzo Secolo e che fu Vescovo martire di Terni, si dice che riappacificò con una rosa rossa una coppia di fidanzati che stavano litigando, invitandoli a tenerla insieme ignorando le spine. Da allora il 14 febbraio, giorno del suo martirio, è festeggiato come il giorno dell’amore e degli innamorati.
Le reliquie di San Valentino  il 24 maggio 1700 vennero date in dono, per volonta’ del Papa, dal cardinale Gaspare del Carpine, Vescovo di Sabina, al sig.Valentino Cinelli, contenute in un’urna.  L’autenticita’ delle reliquie è confermata dalla lettera inviata dagli uffici papali dal cardinale Gaspare del Carpine datata 26 maggio 1700 inviata al sig.Valentino Cinelli. Il 27 maggio 1710 il sig. Francesco Cipollina consegno’ a Padre Samuele del convento dei Padri Cappuccini di Belvedere le reliquie consistenti in un’ampolla con sangue e frammenti di ossa di San Valentino. Nel 1969 furono rinvenute nel Convento da Padre Terenzio Mancina, in seguito alla rimozione delle tele di San Francesco e San Daniele che si trovavano nella pala centrale dell’altare.  Belvedere Marittimo, insieme dunque alla sua patria Terni, dove al LVIII miglio della via Flavia, posto della sua decapitazione, è conservato un frammento del cranio del santo, contende ad altri posti d’Italia la presenza dei sacri resti. Dopo secoli di venerazione del Santo degli innamorati, la graziosa cittadina tirrenica merita ormai a pieno titolo di essere chiamata “città dell’Amore”: ogni anno sono sempre di più le coppie di fidanzati che scelgono il Convento dei Cappuccini di San Daniele in Belvedere Marittimo per giurarsi eterno amore, così come tante coppie di sposi vi si recano per rinnovare la loro promessa di matrimonio tenendosi per mano durante una singolare funzione.