Personaggi

2012-11-18

Raffaele Piccoli, romantico ribelle calabrese

Straordinaria e avventurosa fu la vita di Raffaele Piccoli, il calabrese che partì da un paesetto sperduto della Sila e percorse tutto il Risorgimento, nei luoghi e nei fatti più importanti e insieme ai personaggi-simbolo dell’epoca.

Raffaele Piccoli nacque a Castagna (Catanzaro) da un’umile famiglia nel 1819. Studente in seminario, presto abbandonò la tonaca per inseguire gli ideali di libertà e giustizia e abbracciare le idee repubblicane che iniziavano a diffondersi in tutte le regioni. Combattè nelle rivolte del 1848, fu imprigionato dai Borboni a Ventotene dove scontò la pena insieme a Settembrini e Spaventa. Fu esule in Inghilterra con Giuseppe Mazzini, salpò da Quarto con Garibaldi nel 1860 combattendo con lui fino all’ultimo. Dopo l’Unità rimase coerentemente repubblicano e, tornato in Calabria, continuò a lottare per la giustizia e per l’uguaglianza, tentando perfino un’altra insurrezione insieme a Ricciotti, figlio di Garibaldi. Fu a lungo oggetto di attacchi da parte del governo e dell’esercito piemontese e non ebbe nessun tipo di riconoscimento, cosa che lo condusse, insieme alla famiglia, a una vita di stenti. Tutte le speranze di rinnovamento e di crescita civile attese con l’Unità d’Italia erano andate amaramente deluse e Raffaele Piccoli, come molti altri che avevano combattuto duramente per la libertà, fu dimenticato dai regnanti e dai loro tirapiedi. Mori suicida a Catanzaro nel 1880.

Raffaele Piccoli: “Una delle più leonine figure dell’immortale schiera dei Mille, nome che fu quello di un’anima generosa e ardente che lasciò per la sua via crucis innumeri brani di carne e stille di sangue, pur di non alleggerire di una dracma il bagaglio della sua fede che portò intatta fino al sepolcro”. (G. Paparazzo).

 



Correlazioni
Prodotto
Apri
Prodotto
Apri
Prodotto
Apri
Evento
Apri